Lenergia  22/12/2021  Auto

Due chiacchiere con Maurizio Pitorri

Maurizio, Campionato Italiano Gran Turismo e Ferrari Challenge: che anno è stato
per te il 2021, come pilota?

Nel GT Italiano ho iniziato una nuova avventura col mio amico Gianluigi Simonelli, che ha deciso di debuttare tra i professionisti con molta incoscienza e altrettanto coraggio. Sono soddisfatto, per l’ottimo percorso che abbiamo fatto e la progressiva crescita delle performance, che ci ha portati anche a sfiorare il podio, in una gara.
Nel Trofeo Ferrari Challenge, invece, ho puntato sulle prestazioni. Sono arrivati due podi, a Monza e Valencia, e un ottimo primo posto tra gli italiani nelle Finali Mondiali, dove ho anche lottato per il podio con tempi sul giro fra i migliori in assoluto.

E come Team manager Best Lap, aggiungendo anche la velocità in montagna, in Italia e in Europa?

In Italia abbiamo dominato, confermandoci scuderia campione.
In Europa, causa COVID, il nostro alfiere Simone Faggioli non ha potuto partecipare alla gara in Spagna e questo, insieme all’annullamento di una manche in Croazia, ha reso impossibile il recupero del gap accumulato, malgrado le numerose vittorie.

Torniamo alle gare a cui hai partecipato. Qual è stata la migliore nel Campionato GT?

Misano Adriatico, dove, in condizioni di pioggia, giravo in pista con i tempi dei primi.

Nel Ferrari Challenge, podio a Monza e a Valencia e ottima prova nelle Finali mondiali. È sbagliato pensare che Monza sia stata l'emozione più grande?

Sì, è sbagliato, perché l'emozione più grande deve ancora venire! Sarà per il prossimo anno, sempre in Ferrari Challenge.

 

(Testo raccolto da Luca Dentini)

In Evidenza

Seguici su

Segui Lenergia su

Potrebbero Interessarti

Seguici su

Segui Lenergia su

Numero Verde

© 2022 LENERGIA S.p.A., Strada di Cardeto 61, 05100 Terni - P.IVA 10988541008 - Web by Cooldesign